Friday 27 april 2012 5 27 /04 /Apr /2012 07:50

Elena-Cifali_Acate.jpgSi partecipa alle gare di corsa perché si è appassionati del correre, perché ci sono tante motivazioni che ci sorreggono nel farlo. Si provano sensazioni ed emozioni. A volte ci si ferma qui. E si aspetta il tempo necessario per sperimentare di nuovo le stesse emozioni partecipando ad un gara nuova, magari mai vista prima.

Ma per altri c'è un piacere aggiuntivo nella rimemorazione e nel racconto. La memoria del podista è come nella frase mitica del Replicante del film di Ridley Scott, Blade Runner (tratto dal romanzo non omonimo di Philip K. Dick, "Do electric sheep dream of electric dreams?"), in cui un gruppetto di cyborg di ultima generazione (e dotati di una vita a termine) si ribellano al loro creatore chiedendogli "più" vita e che, non potendo vivere oltre un certo termine per il modo in cui sono stati progettati, cercano di estendere le proprie memorie nel passato, al punto da creare un passato fittizio con tanto di artefatti fotografici e, soprattutto, valorizzando l'intensità delle memorie della loro breve vita.
E' bello potere ricordare ciò che ci ha fatto stare bene e che ci ha dato delle soddisfazioni, è bello ricordare le emozioni positive e, per dare un fondamento al nostro ricordo e perpetuarlo nel tempo, è bello scrivere, cercando di analizzare nel dettaglio sensazioni ed emozioni.
La scrittura e il racconto sono gli strumenti che servono a preservare poi questi ricordi dalle incertezze di una rimemorazione successiva e dalle nebbie dell'oblio.
A volte raccontare per iscritto, può essere fonte di emozione: emozioni che possono altrettanto se non più intense, di quelle provate in azione.
E' per questo che alcuni podisti sentono impellente la necessità di scrivere delle loro azioni di corsa, siano essi dei campioni oppure dei runner meno performativi, ma sicuramente sinceri e onesti: entrambe le tipologie lanciati in una ricerca più vera e profonda di se stessi, una ricerca che comincia con la pratica di una corsa e che continua anche dopo, nei momenti di intervallo tra una corsa e l'altra.

Alcuni podisti vogliono raccontarsi (o, genericamente, raccontare)...
Alcuni podisti scrivono delle loro corse...
Altri corrono per ricordare...

Altri trasformano le loro corse e quei pensieri (e ricordi) scaturiti dalla corsa (pensieri che come ci rammenta lo scrittore e runner Murakami Haruki sono "...come le nuvole..." che vanno e vengono senza ordine e senza una particolare logica, ma arrivano e occupano il cielo per poco o per molto) in racconti o in romanzi.
Altri corrono per ricordare o per sentire delle emozioni che pervadono mente e corpo.
Elena Cifali ci racconta delle sue corse con questo spirito, e nel formulare i suoi racconti sperimenta emozioni che si rinovellano ogni volta e fa emozionare i suoi lettori.
Elena Cifali correndo ricerca qualcosa - magari una consapevolezza maggiore di se stessa -e il suo raccontare ci trasmette la tensione di questa ricerca...
Ecco il suo racconto relativo alla partecipazione alla Maratonina di Acate che si è svolta il 15 aprile 2012, dove ha realizzato il suo miglior tempo in Maezza maratona (anche questa una soddisfazione) un racconto che - come ci confida - Elena si è emozionata a scrivere...

elena acate 2012 arrivo(Elena Cifali, 15 aprile 2012) “Dai, dai, prendimi, forza, ci siamo quasi, ancora 200 mt e tagliamo il traguardo”- sono queste le parole d’incoraggiamento che Salvo mi ha rivolto appena prima di concludere la nostra seconda maratonina di Acate. E’ sempre un’emozione correre ed ancora di più lo è quando lo si fa accanto a persone speciali, come lui per me.

Quando si è così vicini al traguardo anche pochi secondi hanno il loro perché, e anche un singolo gesto o una singola parola possono farti volare alta.
A guardare la foto scattata prima dell’arrivo sembra proprio che io volassi, sospesa in aria tra una duna di sabbia e l’altra. Gli ultimi metri sono interrotti da piccole dune di sabbia color oro, ormai deformate dal calpestio di tutti quelli che sono arrivati prima di me.
Ci passo sopra, affondo le miei scarpe, sollevo la polvere che mi lascio alle spalle mentre i miei polmoni si riempiono dell’aria di mare. Un profumo che mi inebria, spinto dal  vento generoso.
Che passione il mare, lo è stato fin da bambina, il mare la campagna, tutto qui ad Acate ha il dolce sapore dei ricordi.

Pochi chilometri dietro, quando il paesaggio era stracolmo di serre e campagne mi è venuta in mente quella vecchia foto, gelosamente custodita a casa dei nonni, che spesso guardavo da bambina.

elena cifali IngeRIn un vecchio album con la copertina di pelle marrone, che mi piaceva sfogliare quasi ogni giorno, c’era – e c’è ancora – la bella foto che ritrae il nonno e la nonna sulla loro vespa bianca, e tra loro due si intravede il viso di bambina di mia mamma. Seduto in prima fila, sulla pedana della vespa: Billi, il fedele cane da caccia del nonno. Il nonno e Billi andavano a caccia ogni sabato notte. “La prossima volta porti pure me, vero nonno?” - gli chiedevo insistentemente ogni domenica mattina al mio risveglio, mentre nonna era rintanata dentro lo stretto cucinino a levare i pallini dai poveri e malcapitati conigli. “Si, certo, la prossima volta porto pure te!” … Non mi portò mai, e solo da adulta capii quanto sarebbe stato pericoloso. Per il nonno la caccia era una passione, come oggi per me la corsa. Forse anche per questo motivo mi fanno impressione le persone senza passioni.

Ma torniamo alla maratonina.

Alla partenza, incontro tanti amici, è il momento più bello, quello in cui ci si incontra, ci si incoraggia, ci si informa dello stato di forma, ci si riscalda. E’ il momento di aggregazione più forte, poi, dopo il via – che non tarda ad arrivare – ognuno inizia a fare la propria gara, ognuno inizia a pensare a se stesso.

Elena partenza aprile 2012 acateRI primi chilometri trascorrono tranquilli: impiego una ventina di minuti prima di impadronirmi della regolarità del mio respiro, mentre i dolori alle gambe continuano a darmi il tormento. Ma tutto sommato mi sento bene. Facciamo strada, io e Salvo, vicini come sempre.
Con noi anche altri gruppi di runner tra cui anche Luigi, conosciuto proprio qui ad Acate, la scorsa edizione.
Lui è stato più furbo di me, ha mantenuto un passo costante per poi volare via dopo il 15° km, mi darà un bel distacco di 3' di  sulla linea del traguardo.

Fa caldo, la giornata è soleggiata e ventosa. Il vento ci schiaffeggia spesso, forti raffiche si alternano a momenti di quiete. Per fortuna, ho portato con me il cappellino, altrimenti credo proprio che mi si sarebbe "cotto" il cervello.

Ai rifornimenti prendo solo l’acqua, scartando gli spicchi d’arancia che temo, mentre mi ricarico con lo zucchero che ho portato con me da casa.

Non sono molto loquace oggi, preferisco ascoltare le poche parole che riesco a cogliere dai discorsi altrui.
Preferisco farmi cullare dai miei pensieri.
Penso e ripenso a come ho iniziato 14 mesi fa questa straordinaria avventura da podista.
Penso a tutti gli allenamenti, alle ore dedicate alla corsa.
E’ questa la mia seconda primavera da podista e sicuramente la vivo con una consapevolezza diversa dalla precedente.
Oggi so quel che faccio e soprattutto so quel che voglio.
Oggi ho la consapevolezza di saper fare e dedico ogni minuto del mio tempo libero per conquistare ciò per cui sto lottando.

Elena coppino premio finaleRI motivi che inducono le persone ad iniziare a correre sono i più svariati: in tanti (come il mio amico Claudio) iniziano per perdere peso, altri perché hanno tempo libero da sfruttare, alcuni perché facevano atletica già da ragazzini. Ognuno con il suo perché, con il suo scopo, con le sue motivazioni.
Io lo faccio perché mi piace farlo, è il mio primo pensiero del mattino e l’ultimo della sera, è un impegno al quale difficilmente potrei rinunciare.
E’ una gioia che ripaga di tutti gli sforzi.
E’ una carica che serve ad affrontare meglio la giornata. La frase che sempre più spesso mi sento rivolgere è: ”Ma chi te lo fa fare”… e, poi, commenti su commenti.

Già, chi me lo fa fare?

Per spiegare il perché non mi basterebbe una vita, ma ci sono una serie di parole che possono parlare al mio posto; parole come: emozione, sentimenti, adrenalina, endorfine, vagabondare, viaggiare, esplorare, coraggio, incoscienza, dolore, delusione, ricerca, sfida, riconoscenza, freddo, caldo, umidità, mare, montagna, Etna, amore, affetto, fratellanza, ricordi, nostalgie, speranze, programmi e progetti, sogni, libertà, volare, cadere, spingere, sudare, soffiare, calcoli, tempo, pioggia, sole, alba, Salvo, stanchezza, fame, sete, sale, salita, discesa, asfalto, natura, piedi, ginocchia, canzoni, chiacchiere, risate, vesciche, vita, partenza, traguardo, pettorale, fotografie.

Ecco cosa significa correre per me!

Immersa in questi pensieri non mi rendo quasi conto di essere già al 16° km, Ezio, Luca e Mariarosa ci si fanno l’incontro con le biciclette. Sentire mio figlio che dice “Brava, mamma!” è un’emozione che mi toglie il respiro, pensare che solo pochi anni fa era un bimbetto gracile che mi guardava dal basso verso l’alto con i suoi occhi azzurri che sembrano fari accesi nella notte.

Da questo momento in poi il caldo si fa pesante. Tutto diventa relativo, la strada cambia e mi cambia, rendendomi disponibile al compromesso e al ragionamento. Perdo qualche secondo al km, ma inizio a ripetermi che non sono una perdente. Inizia la discesa, l’ultima curva e poi ecco il mare, eccolo brillare, calmo, sereno, splendente, sembra aspettare me, mi da il benvenuto e la sua vista mi riempie di gioia.

Arriverò tagliando il traguardo: accompagnata da Salvo e dalle sue parole: “Dai, dai, prendimi, forza, ci siamo quasi, ancora 200 metri e tagliamo il traguardo”.
E’ andata meglio di quanto non mi aspettassi, ho realizzato il mio miglior tempo e porto a casa oltre la gioia e la soddisfazione anche il caloroso abbraccio di amici importanti.

 

Di (Elena Cifali, con una premessa di Maurizio Crispi) Ultramaratone, maratone e dintorni - Pubblicato in : Racconti di gara e tributi personali - Community : Ultramaratone, maratone e dintorni
Scrivi un commento - Vedi 0 commenti
Torna alla home

Il perchè di questo titolo

DSC04695.jpegPerchè ho dato alla mia pagina questo titolo?

Volevo mettere assieme deio temi diversi eppure affini: prioritariamente le ultramaratone (l'interesse per le quali porta con sè ad un interesse altrettanto grande per imprese di endurance di altro tipo, riguardanti per esempio il nuoto o le camminate prolungate), in secondo luogo le maratone.

Ma poi ho pensato che non si poteva prescindere dal dare altri riferimenti come il podismo su altre distanze, il trail e l'ultratrail, ma anche a tutto ciò che fa da "alone" allo sport agonistico e che lo sostanzia: cioè, ho sentito l'esigenza di dare spazio a tutto ciò che fa parte di un approccio soft alle pratiche sportive di lunga durata, facendoci rientrare anche il camminare lento e la pratica della bici sostenibile. Secondo me, non c'è possibilità di uno sport agonistico che esprima grandi campioni, se non c'è a fare da contorno una pratica delle sue diverse forme diffusa e sostenibile. 

Nei "dintorni" della mia testata c'è dunque un po' di tutto questo: insomma, tutto il resto.

Come nasce questa pagina?

DSC04709.jpeg_R.jpegL'idea motrice di questo nuovo web site è scaturita da una pagina Facebook che ho creato, con titolo simile ("Ultramaratone, maratone e dintorni"), avviata dall'ottobre 2010, con il proposito di dare spazio e visibilità  ad una serie di materiali sul podismo agonistico e non, ma anche su altri sport, che mi pervenivano dalle fonti più disparate e nello stesso tempo per avere un "contenitore" per i numerosi servizi fotografici che mi capitava di realizzare.

La pagina ha avuto un notevole successo, essendo di accesso libero per tutti: dalla data di creazione ad oggi, sono stati più di 64.000 i contatti e le visite.

L'unico limite di quella pagina era nel fatto che i suoi contenuti non vengono indicizzati su Google e in altri motori di ricerca e che, di conseguenza, non risultava agevole la ricerca degli articoli sinora pubblicati (circa 340 alla data - metà aprile 2011 circa - in cui ho dato vita a Ultrasport Maratone e dintorni).

Ho tuttavia lasciato attiva la pagina FB come contenitore dei link degli articoli pubblicati su questa pagina web e come luogo in cui continuerò ad aprire le gallerie fotografiche relative agli eventi sportivi - non solo podistici - che mi trovo a seguire.

L'idea, in ogni caso, è quella di dare massimo spazio e visibilità non solo ad eventi di sport agonistico ma anche a quelli di sport "sostenibile" e non competitivo...

Il mio curriculum: sport e non solo

 

banner tre rifugi Val Pellice 194x109

IAU logo 01
  NatureRace header
BannerRunnerMania.JPG
 banner-pubblicitario-djd.gif
VeniceUltramarathonFestival
supermaratonadelletna.jpg
LogoBlog 01
runlovers
atletica-notizie-01.jpg


 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Presentazione

  • : Ultramaratone, maratone e dintorni
  • : ciclismo podismo ultramaratone camminare walking Sport
  • : Una pagina web per parlare di podismo agonistico - di lunga durata e non - ma anche di pratica dello sport sostenibile e non competitivo
  • : 12/04/2011
  • Contatti

About

  • Ultramaratone, maratone e dintorni
  • Ultramaratone, maratone e dintorni
  • Curioso Sognatore Viaggiatore Writer Esploratore
  • Mi chiamo Maurizio Crispi. Sono un runner con oltre 200 tra maratone e ultra: ancora praticante per leisure, non gareggio più. Da giornalista pubblicista, oltre ad alimentare questa pagina collaboro anche con altre testate non solo sportive.

Categorie

Gli articoli più letti negli ultimi 30 giorni

 

ultrasportheader950.gif

 

 

Gli articoli più visti dal 24/03/2014 al 24/04/2014

Mobile Virgin Money London Marathon 2014 (33^ ed.). L'evento è stato… 2 303
Articolo Virgin Money London Marathon 2014 (33^ ed.). L'evento è stato… 1 728
Home Ultramaratone, maratone e dintorni 579
Mobile Maratona del Lamone 2014. Podisti fanatici e ignoranti affermano: Ti… 247
Articolo Ciao, Carmelo! Il commiato di Elena Cifali - Ultramaratone, maratone… 241
Articolo Corsa, fatalità e senso di responsabilità - Ultramaratone, maratone e… 236
Mobile Ciao, Carmelo! Il commiato di Elena Cifali - Ultramaratone, maratone… 223
Mobile UltraMilano-Sanremo 2014 (1^ ed.). Il sapore della sfida, a pochi… 206
Articolo UltraMilano-Sanremo 2014 (1^ ed.). Il sapore della sfida, a pochi… 196
Mobile Virgin Money London Marathon 2014 (34^ ed.). L'evento è stato… 134
Articolo Maratona del Lamone 2014. Podisti fanatici e ignoranti affermano: Ti… 118
Mobile A 98 anni suonati Giuseppe Ottaviani fa incetta di Ori a Campionati… 104
Mobile Corsa, fatalità e senso di responsabilità - Ultramaratone, maratone e… 103
Articolo A 98 anni suonati Giuseppe Ottaviani fa incetta di Ori a Campionati… 102

 

Statistiche generali del magazine dalla sua creazione, aggiornate al 14.04.2014

Data di creazione 12/04/2011
Pagine viste : 607 982 (totale)
Visitatori unici 380 449
Giornata record 14/04/2014 (3 098 Pagine viste)
Mese record 09/2011 (32 745 Pagine viste)
Precedente giornata record 22/04/2012 con 2847 pagine viste
Record visitatori unici in un giorno 14/04/2014 (2695 vis. unici)
Iscritti alla Newsletter 148
Articoli pubblicati 4259


I collaboratori

Lara arrivo pisa marathon 2012  arrivo attilio siracusa 2012
            Lara La Pera    Attilio Licciardi
 Elena Cifali all'arrivo della Maratona di Ragusa 2013  Eleonora Suizzo alla Supermaratona dell'Etna 2013 (Foto di Maurizio Crispi)
            Elena Cifali   Eleonora Suizzo
   
   
   
   
   
   

Immagini a caso

  • partenza

Calendario

December 2014
M T W T F S S
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31        
<< < > >>

ShinyStat

Statistiche
 
Crea un blog gratis su over-blog.com - Contatti - C.G.U. - Remunerazione in diritti d'autore - Segnala abusi - Articoli più commentati