Thursday 3 january 2013 4 03 /01 /Gen /2013 07:16
Claudio-Bernagozzi.jpgClaudio Bernagozzi, giornalista e organizzatore di gare in Emilia Romagna, il 25 agosto scorso, ha inviato una lettera alla FIDAL, ponendo una serie di quesiti per ottenere chiarificazioni in merito alle diffcoltà interpretative legati ai rapporti tra gare targate "FIDAL" e gare portate da Enti di promozioni sportiva.
La sua lettera è stata a lungo disattesa e, soltanto il 4 dicembre 2012, dopo diversi solleciti (sempre per via e-mail) ha ricevuto delle risposte non risolutive, certamente, e nemmeno dirimenti rispetto al conflitto interpretativo e normativo che già si è manifestato in passato e nel corso della passata stagione agonistica, a volte con risvolti clamorosi.

"Si tratta di argomenti sempre più attuali e portatori di discussione prima, durante e dopo le gare. Aumentano i soggetti (parlo x Bologna e Provincia anche se le norme del Regolamento ritengo debbano valere sul territorio nazionale e le convenzioni non possano modificare al 100% quanto "federalmente imposto") che chiedono queste informazioni e sono purtroppo convinto, anche se ovvio non lo spero, che sempre più società smetteranno di organizzare gare seguendo regole che la stessa Federazione fatica a fare osservare. Si dice che "il mondo è dei furbi" ma da inguaribile ottimista vorrei invece che gli onesti non venissero penalizzati, o quantomeno  fossero protetti, da una Federazione che per l'affiliazione chiede cifre comunque importanti, sia per fare attività che per organizzare gare, salvo poi chiudere gli occhi davanti ad evidenti e macroscopici casi di irregolarità". 

Pubblichiamo di seguito la lettera di Bernagozzi e le relative risposte ai quesiti da lui posti, laddove ve ne siaso stati, pensando di fare cosa utile a tutti gli organizzatori di gare nelle diverse parti d'Italia, tenendo conto peraltro delle specificità regionali, dipendenti dal modo in cui i Comitati regionali FIDAL appplicano le normative nazionali.
Pur tenendo conto di ciò, si ritiene che nel carteggio siano contenuti numerosi spunti di riflessione che potrebbe essere di qualche utilità con chi - da organizzatore e da dirigenti, dovesse trovare a confrontarsi con analoghi problemi.
Ecco la sua lettera.
Mi chiamo Claudio Bernagozzi e da circa 36 anni sono nell'ambiente dell'Atletica dove, tra l'altro, o avuto l'onore di essere nominato Presidente del Comitato Provinciale FIDAL Bologna, oltre aver ricoperto ruoli di Dirigente e anche quello di Presidente della Lega Atletica UISP di Bologna; attualmente co-Organizzo eventi e fungo da Addetto Stampa in tante gare e/o al seguito di Atleti, soprattutto di UltraMaratona..
Da sempre sono uno strenuo sostenitore dell'applicazione delle Regole e questo l'ho riportato, e riporto spesso, anche sul mio sito www.claudiobernagozzi.net; sullo stesso, grazie a ottime collaborazioni con Vostri settori e con il CRER, pubblico aggiornamenti di Regolamenti o comunicazioni ufficiali.
Vorrei porVi poche domande, nate dal sempre più frequente disputarsi di manifestazioni non approvate FIDAL (e/o nemmeno EPS) alle quali però partecipano Atleti FIDAL, spesso anche di livello nazionale.
Questo sta creando malumori, ad esempio, da parte di Organizzatori ai quali vengono chiesti importi discreti per l'approvazione gara mentre altri non le pagano, e tra gli stessi Atleti i quali, non più tardi di alcuni giorni orsono, hanno sentito parlare di probabili squalifiche appunto per aver partecipato a gare non approvate.
Credo non sia necessario indicare le gare in questione o allegare volantini, sfacciatamente assenti di loghi o indicazioni Federali ma con ben in vista i premi, visto che ne siamo destinatari tutti i giorni via web e che l’argomento viene spesso ripreso anche sui siti; sul mio mi è stato chiesto spesso di avere indicazioni su gare che io ho prontamente caricato.
Credo di conoscere discretamente bene quanto dice il Regolamento Organico (e l’art. 21 in particolar modo) e la Convenzione FIDAL/EPS che, credo, abbia avuto in E.Romagna la prima firma ufficiale anche se ho sempre sostenuto sia troppo "permissiva" verso gli EPS, soprattutto per quanto sono prerogative e caratteristiche della ns Federazione.
Dopo qualche ritardo è pervenuta una risposta firmato da Elio Olevano (Ufficio Regolamenti FIDAL; mail: elio.olevano@fidal.it), dove si risponde ad alcuni quesiti posti da Bernagozzi.
Le domande sono queste (e sono seguite, laddove vi sia stato, da un commento o da una risposta dello scrivente che è riportato in corsivo.
Prima tipologia. Gara approvata UISP (EPS a caso) ma non FIDAL.
La Convenzione dice:  
2a) Le gare promozionali, organizzate dalla Uisp, possono prevedere una sezione competitiva con la redazione di una classifica, ma in esse non sono previsti ingaggi e rimborsi spese agli atleti/e, premiazioni in denaro o di valore commerciale consistente. Dette gare non sono soggette all’approvazione della FIDAL
2b) A tali gare possono partecipare, anche, gli atleti/e tesserati solo per la FIDAL che saranno regolarmente classificati e premiati.
Succede però che in molte gare alla fine i premi sono di valore “MOLTO” consistente e già ben evidenziati sul programmi; a specifica richiesta, il CRER mi ha indicato il limite di questo valore in €100.00.
Domanda: PUO’ UN ATLETA FIDAL PARTECIPARE A QUESTO TIPO DI GARA?
(secondo il mio parere NO) La Convenzione FIDAL/EPS al p. 4.2 prevede che alle manifestazioni promozionali (Esordienti, Ragazzi, Cadetti e Amatori), organizzate sia dall’uno che dall’altro, possono partecipare tutti i propri atleti tesserati nelle suddette categorie, mentre la partecipazione degli Allievi, Juniores, Promesse, Seniores e Masters è subordinata al tesseramento di quest’ultimi alla Fidal e all’affiliazione della società organizzatrice alla Fidal stessa (p.3.3 e 4.3).
Gli atleti Masters tesserati solo per un Ente possono partecipare anche a manifestazioni organizzate da società affiliate alla Fidal, esclusi i vari Campionati Provinciali, Regionali e Nazionali Fidal (p. 4.4).
I Masters tesserati solo alla Fidal possono partecipare a manifestazioni degli Enti, esclusi i vari Campionati degli Enti stessi (per un refuso nel p. 4.5 invece di “società affiliate ad un EPS” è stato erroneamente riportato “Società affiliate FIDAL”).
Nella Convenzione FIDAL/EPS non si parla mai di premi. Pertanto non siamo in grado di rispondere a quanto indicato dal CRER rispetto al limite di 100 euro, probabilmente si tratta di un accordo integrativo alla Convenzione nazionale tra il CRER e gli EPS. 
Seconda tipologia. Gara non approvata UISP (EPS sempre a caso) e nemmeno FIDAL.
Non è un caso isolato anzi si sta sempre più diffondendo (e si amplierà ancora, di certo), con gare organizzate da Pro Loco e piccole realtà locali e spesso con premi di valore, di certo superiore al “limite” di €100.00; pochi giorni fa una gara sulle ns colline dava lingottini d’oro e tanti altri premi tra i quali “un’abbonamento skipass – valore circa €300.00”.
A tal proposito ho più volte ribadito sul mio sito ed a voce, penso correttamente, che “rimborsi del valore di ….” o “buoni del valore … “ sono comunque soldi, moneta e quindi non dovrebbero essere elargiti, soprattutto a Master, e che gli stessi farebbero automaticamente uscire la gara dalla Convenzione.
Tra l’altro le Classifiche di dette gare trovano tranquillamente spazio sui media e questo allontana ancor più il minimo dubbi sulla loro (eventuale) irregolarità.
Domanda: PUO’ UN ATLETA FIDAL PARTECIPARE A QUESTO TIPO DI GARA?
(secondo il mio parere NO) Nel caso di manifestazioni non approvate nè dalla Fidal né da un Ente, gli atleti tesserati Fidal non possono partecipare a tali manifestazioni.
Terza tipologia. Gara approvata FIDAL e UISP (EPS, sempre a caso)
Dovrebbe essere il caso più tranquillo ma mi viene in mente una polemica del 2011 quando, in una gara comunque approvata FIDAL e con premi sotto i 100 €uro quindi dentro anche la Convenzione, una Atleta si iscrisse con la Società UISP (si può, visto che è in Convenzione) ma le fu imposto di cambiare quando venne evidenziato che la gara partecipava ad un Trofeo che alla fine dell’anno prevedeva una premiazione in denaro e, quindi, ogni singola manifestazione doveva essere considerata FUORI dalla Convenzione.
Capite bene che è un contorsionismo mentale difficilmente gestibile e spiegabile agli Atleti e per un’Organizzatore che non sa mai come e cosa deve e può fare.
C’è poi un chiarimento su un aspetto che mi sta molto a cuore, come il problema assicurativo.
Le “Norme per l’attività 2012” al punto 1.8 dicono:
P
ertanto, richiamando anche quanto previsto dall’art. 21 del Regolamento Organico, i tesserati FIDAL non sono autorizzati a partecipare a gare non approvate dalla FIDAL. Qualora ciò accada, essi si assumono la diretta e personale responsabilità in merito alle conseguenze degli eventuali infortuni accaduti e non sono tutelati dalla copertura assicurativa federale e tale inadempienza verrà inoltre segnalata agli organi di giustizia.
Nel caso n cui alle mie prime due domande fosse stato risposto che “gli Atleti non possono partecipare”, mi domando …
a)  L’Atleta non è coperto da Polizza Assicurativa?
b)  Chi ne risponde per eventuali lesioni o danni fisici?
c)  Quali provvedimenti verrebbero presi a carico degli Atleti, visto che lo stesso punto 1.8 cita che “tale inadempienza verrà inoltre segnalata agli organi di giustizia”
[Commento] Qualora un atleta partecipi a manifestazioni non approvate dalla Fidal, si assume la personale responsabilità per eventuali infortuni a lui accaduti o da lui arrecati a terzi in quanto non è coperto né da assicurazione federale, né da assicurazione RCT stipulata dagli organizzatori. Tra l’altro è passibile anche di eventuali provvedimenti disciplinari comminati dagli organi di giustizia federale.
Vorrei precisare che non c’è la minima volontà persecutoria, né nei confronti degli Atleti né degli Organizzatori, ma visto il dilagarsi sempre maggiore di casi secondo me “fuori regola” credo che una posizione chiara e precisa la FIDAL debba prenderla, senza dover vestire i panni di uno Sceriffo, ma anche senza ipotizzare prese di posizione mai attuate.
Gli Organizzatori non possono sentirsi di serie A o serie B, per non dire più furbi o più stupidi, solo perchè si attengono o meno alle regole (nota: il caso è comunque diffuso più del pensabile, anche perché molte Società sono a volte Organizzatrici ma, più spesso, partecipanti come Atleti e garantisco che non sempre chi reclama per una cosa poi sia ligio per l’altra, anzi)
Gli Atleti al contrario non possono viaggiare con Regolamento Organico, Regolamento delle attività e Statuto in mano per sapere se possono o non possono correre in una determinata manifestazione.
Molti Atleti e tante Società mi stanno chiedendo informazioni sull’argomento, anche in previsione della Stagione 2013 i cui Calendari si stanno predisponendo in questo periodo; è purtroppo diffuso una generale “ignoranza” delle Regole e questo penso dovrebbe essere supplito con informazioni corrette, nella misura e nei modi.
Spero di poter ricevere una Vs cortese risposta in termini estremamente brevi, per poter divulgare le Vs osservazioni; voglio comunque evidenziare la costante ed ottima collaborazione da parte del Comitato Regionale, con il quale si sono già risolte molte controversie.
Ringraziando, porgo i più distinti saluti.
Claudio Bernagozzi


PS -
Ho letto attentamente, credo, la Polizza Assicurativa della FIDAL. Mi potete confermare quindi che in caso di incidente durante una manifestazione un Atleta potrà percepire un indennizzo, fatte salve le franchigie del caso, solo in caso di Invalidità permanente o di morte ? Grazie anche per questa risposta. 
Si, un atleta potrà percepire un indennizzo solo in caso di invalidità permanente oppure di morte.


Il sito web di Claudio Bernagozzi: claudibernagozzi.net. Atletica, podismo e altro di Bologna e provincia... ma non solo
Di Claudio Bernagozzi - Pubblicato in : FIDAL - Community : Ultramaratone, maratone e dintorni
Scrivi un commento - Vedi 0 commenti
Torna alla home

Il perchè di questo titolo

DSC04695.jpegPerchè ho dato alla mia pagina questo titolo?

Volevo mettere assieme deio temi diversi eppure affini: prioritariamente le ultramaratone (l'interesse per le quali porta con sè ad un interesse altrettanto grande per imprese di endurance di altro tipo, riguardanti per esempio il nuoto o le camminate prolungate), in secondo luogo le maratone.

Ma poi ho pensato che non si poteva prescindere dal dare altri riferimenti come il podismo su altre distanze, il trail e l'ultratrail, ma anche a tutto ciò che fa da "alone" allo sport agonistico e che lo sostanzia: cioè, ho sentito l'esigenza di dare spazio a tutto ciò che fa parte di un approccio soft alle pratiche sportive di lunga durata, facendoci rientrare anche il camminare lento e la pratica della bici sostenibile. Secondo me, non c'è possibilità di uno sport agonistico che esprima grandi campioni, se non c'è a fare da contorno una pratica delle sue diverse forme diffusa e sostenibile. 

Nei "dintorni" della mia testata c'è dunque un po' di tutto questo: insomma, tutto il resto.

Come nasce questa pagina?

DSC04709.jpeg_R.jpegL'idea motrice di questo nuovo web site è scaturita da una pagina Facebook che ho creato, con titolo simile ("Ultramaratone, maratone e dintorni"), avviata dall'ottobre 2010, con il proposito di dare spazio e visibilità  ad una serie di materiali sul podismo agonistico e non, ma anche su altri sport, che mi pervenivano dalle fonti più disparate e nello stesso tempo per avere un "contenitore" per i numerosi servizi fotografici che mi capitava di realizzare.

La pagina ha avuto un notevole successo, essendo di accesso libero per tutti: dalla data di creazione ad oggi, sono stati più di 64.000 i contatti e le visite.

L'unico limite di quella pagina era nel fatto che i suoi contenuti non vengono indicizzati su Google e in altri motori di ricerca e che, di conseguenza, non risultava agevole la ricerca degli articoli sinora pubblicati (circa 340 alla data - metà aprile 2011 circa - in cui ho dato vita a Ultrasport Maratone e dintorni).

Ho tuttavia lasciato attiva la pagina FB come contenitore dei link degli articoli pubblicati su questa pagina web e come luogo in cui continuerò ad aprire le gallerie fotografiche relative agli eventi sportivi - non solo podistici - che mi trovo a seguire.

L'idea, in ogni caso, è quella di dare massimo spazio e visibilità non solo ad eventi di sport agonistico ma anche a quelli di sport "sostenibile" e non competitivo...

Il mio curriculum: sport e non solo

 

banner tre rifugi Val Pellice 194x109

IAU logo 01
  NatureRace header
BannerRunnerMania.JPG
 banner-pubblicitario-djd.gif
VeniceUltramarathonFestival
supermaratonadelletna.jpg
LogoBlog 01
runlovers
atletica-notizie-01.jpg


 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Presentazione

  • : Ultramaratone, maratone e dintorni
  • : ciclismo podismo ultramaratone camminare walking Sport
  • : Una pagina web per parlare di podismo agonistico - di lunga durata e non - ma anche di pratica dello sport sostenibile e non competitivo
  • : 12/04/2011
  • Contatti

About

  • Ultramaratone, maratone e dintorni
  • Ultramaratone, maratone e dintorni
  • Curioso Sognatore Viaggiatore Writer Esploratore
  • Mi chiamo Maurizio Crispi. Sono un runner con oltre 200 tra maratone e ultra: ancora praticante per leisure, non gareggio più. Da giornalista pubblicista, oltre ad alimentare questa pagina collaboro anche con altre testate non solo sportive.

Categorie

Gli articoli più letti negli ultimi 30 giorni

 

ultrasportheader950.gif

 

 

Gli articoli più visti dal 24/03/2014 al 24/04/2014

Mobile Virgin Money London Marathon 2014 (33^ ed.). L'evento è stato… 2 303
Articolo Virgin Money London Marathon 2014 (33^ ed.). L'evento è stato… 1 728
Home Ultramaratone, maratone e dintorni 579
Mobile Maratona del Lamone 2014. Podisti fanatici e ignoranti affermano: Ti… 247
Articolo Ciao, Carmelo! Il commiato di Elena Cifali - Ultramaratone, maratone… 241
Articolo Corsa, fatalità e senso di responsabilità - Ultramaratone, maratone e… 236
Mobile Ciao, Carmelo! Il commiato di Elena Cifali - Ultramaratone, maratone… 223
Mobile UltraMilano-Sanremo 2014 (1^ ed.). Il sapore della sfida, a pochi… 206
Articolo UltraMilano-Sanremo 2014 (1^ ed.). Il sapore della sfida, a pochi… 196
Mobile Virgin Money London Marathon 2014 (34^ ed.). L'evento è stato… 134
Articolo Maratona del Lamone 2014. Podisti fanatici e ignoranti affermano: Ti… 118
Mobile A 98 anni suonati Giuseppe Ottaviani fa incetta di Ori a Campionati… 104
Mobile Corsa, fatalità e senso di responsabilità - Ultramaratone, maratone e… 103
Articolo A 98 anni suonati Giuseppe Ottaviani fa incetta di Ori a Campionati… 102

 

Statistiche generali del magazine dalla sua creazione, aggiornate al 14.04.2014

Data di creazione 12/04/2011
Pagine viste : 607 982 (totale)
Visitatori unici 380 449
Giornata record 14/04/2014 (3 098 Pagine viste)
Mese record 09/2011 (32 745 Pagine viste)
Precedente giornata record 22/04/2012 con 2847 pagine viste
Record visitatori unici in un giorno 14/04/2014 (2695 vis. unici)
Iscritti alla Newsletter 148
Articoli pubblicati 4259


I collaboratori

Lara arrivo pisa marathon 2012  arrivo attilio siracusa 2012
            Lara La Pera    Attilio Licciardi
 Elena Cifali all'arrivo della Maratona di Ragusa 2013  Eleonora Suizzo alla Supermaratona dell'Etna 2013 (Foto di Maurizio Crispi)
            Elena Cifali   Eleonora Suizzo
   
   
   
   
   
   

Immagini a caso

  • Christmas Run Verona 2012-2

Ricerca

Calendario

November 2014
M T W T F S S
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
             
<< < > >>

ShinyStat

Statistiche
 
Crea un blog gratis su over-blog.com - Contatti - C.G.U. - Remunerazione in diritti d'autore - Segnala abusi - Articoli più commentati